Complexity and analysis of resilience in the software industry – Part Two

160704 BL008E good-choiceL’articolo, secondo di una serie, propone un approccio recente alla verifica della validità del modello di business nel tempo.

La definizione del modello di business permette, fra l’altro, di individuare quali sono le variabili fondamentali che l’imprenditore deve tenere sotto controllo per capire la bontà delle scelte ma anche per verificare se da un lato il mercato risponde alla proposta di valore che l’impresa propone, ma dall’altro se la infrastruttura deputata alla creazione del valore è sufficientemente solida e stabile per garantire continuità all’impresa.

Nel primo post abbiamo introdotto il concetto della complessità ed il suo impatto nel controllo dell’impresa, in questo affronteremo il tema della sua misurazione.

 

Gli studi sulla complessità dei sistemi applicati al “sistema impresa” sono  recenti ed affrontati da diversi autori ed in particolare dall’Ing. Jacek Marczyk, co-founder di Ontonix Srl, con cui abbiamo avviato una collaborazione professionale e questo post trae spunto dai suoi studi e dai libri da lui pubblicati.

 

Strategie di soluzione

Le strategie di soluzione applicabili per affrontare la complessità possono essere basate essenzialmente su due schemi concettuali: complessi modelli algoritmici che modellano la realtà, o le componenti  del nostro “modello di business”, in grado di simulare i possibili andamenti della realtà che stiamo osservando; oppure su analisi basate sulla misurazione e sulle relazione quantitative che derivano dalla analisi dei dati disponibili, In qualità:

  • Misurare è la chiave.
  • Se non si misura non si può controllare.
  • Se non si controlla non si può gestire .
  • Se non si gestisce non si può migliorare

In ambito gestionale negli ultimi  decenni, a seguito dell’approfondimento dello studio dei processi aziendali  sono stati sviluppati corposi sistemi di Key Performance Index; nel mondo economico finanziario, da decenni si usano i ratios  frutto  delle analisi di bilancio  che forniscono i principali numeri per la valutazione sia dello stato di salute sia del valore delle imprese.

160711 BL009E CubotrasparenteE’ vero che la fotografia della situazione, tratta dei soli dati disponibili, non consente di effettuare previsioni, ma  per poter fare previsioni, condizionate da elementi quali la complessità del sistema impresa, dell’eco-sistema in cui opera e della incertezza che oggi governa l’economia, diventa sempre più difficile, riteniamo pertanto affrontare il futuro attraverso un diverso punto di vista: valutare lo stato di salute dell’impresa da misure oggettive dei dati aziendali  che facciano emergere quanto le relazioni strutturali sono stabili e robuste, e quanto l’azienda può essere in grado di assorbire impatti dovuti a variabili che sono al di fuori del controllo del management.

 

La resilienza

La resilienza come elemento di valutazione del business

Definizione di RESILIENZA: capacità di un sistema di superare cambiamenti dal Latino “resilire” che significa saltare indietro, rimbalzare.

  • Ingegneria: capacità di un materiale di assorbire deformazione elastica
  • Informatica: capacità di un sistema di adattarsi alle condizioni d’uso e di resistere all’usura in modo da garantire la disponibilità dei servizi erogati
  • Psicologia: capacità di far fronte in maniera positiva ad eventi traumatici, di riorganizzare la propria vita dinanzi alle difficoltà…

 

Proprio come ricordato nell’esempi del colesterolo, lo stato di salute di un business è proporzionale alla differenza tra il limite attuale ed il valore limite, critico, della complessità. Un’azienda in salute funziona ad una distanza di salvaguardia dalla complessità critica. Proprio come il livello di colesterolo nel corpo umano, o il saldo del nostro conto in banca, misurando la complessità dovremmo conoscere il valore attuale   come pure il limite di sicurezza a cui possiamo arrivare a sostenerlo.160711 BL009E Montagnacresta

Poiché ogni cosa della vita è relativo, il mero valore della complessità di un business significa poco finché non viene specificato il corrispondente limite critico.

Per questa ragione, non è necessario per una azienda essere enorme per affermare che essa potrebbe essere molto complessa, il problema è quanto siamo vicini al valore critico della nostra complessità non al valore di per se stesso.

Basandoci su quanto la nostra funzione di business è vicina al valore critico, è possibile determinare una dimensione della resilienza.

Quindi la resilienza nel Business riflette la stabilità e la sua misurazione valuta quanto è robusto il business di una azienda.

 

Nei prossimi articoli esamineremo come approcciare l’analisi della complessità, proponendo un metodo per individuare e dimensionare la robustezza e le variabili che condizionano la fragilità dell’azienda.

 


iBDManagement è una rete internazionale di consulenti direzionali160427 iBDM LogoImage

che aiutano le imprese dell’ICT ad “organizzarsi”

e svilupparsi sia localmente sia nel mondo globale.

Ezio Vicario

Ezio Vicario

Ezio ha oltre 30 anni di esperienza lavorativa nell’ambito del management consulting con imprese italiane ed estere. Nella sua carriera ha attraversato vari ambiti nella consulenza e nei settori di mercato; partendo dall’ICT, proseguendo nel Change, Project  e Performance Management é giunto, negli ultimi anni, ad occuparsi di sviluppo strategico nell’ambito di progetti di Investment Banking e Mergers and Acquisitions

Contatto: ezio@iBDManagement.com

scarica pdf